Emorroidi?

Puoi provare Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi?

Puoi contare su Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi
sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Rottura emorroidi: come arginare il problema?

Rottura emorroidi esterne: come dobbiamo comportarci per prevenire complicazioni? Le emorroidi esterne crescono in prossimità dell’ano e al tatto si presentano come un grumo duro, ma al contempo molto sensibile. I cuscinetti emorroidari fuoriusciti dal canale anale appaiono di colore bruno e possono causare irritazione, prurito, gonfiore e bruciore.

Spesso si possono verificare perdite di sangue dalle emorroidi esterne, in caso di rottura. Ciò accade per via dello sfregamento e della pressione che devono sopportare le vene sporgenti, soprattutto in fase di evacuazione. Solitamente il sanguinamento si presenta di colore rosso vivo e compare al termine della defecazione.

Siamo affetti da patologia emorroidaria? Se notiamo tracce ematiche di colore rosso vivo sulla carta igienica, specie dopo ogni evacuazione, non allarmiamoci. Contattiamo quanto prima un medico specialista per una terapia in linea con il nostro quadro clinico. Potremo poi trattare la rottura delle emorroidi protruse con una serie di accorgimenti.

Rottura emorroidi? Regolarizziamo il transito intestinale

Dato che dolore e sanguinamento si manifestano soprattutto durante la defecazione, il primo, importante passo per arginare il problema sarà regolarizzare l’alvo, cioè mantenere un buon equilibrio intestinale. Se le nostre feci sono dure e siamo soggetti a stipsi, sarà molto importante cercare di ridurre lo sforzo durante l’evacuazione, mantenendo le feci morbide.

In che modo? Seguendo un regime alimentare ricco fibre, frutta e verdura. Non solo. Sarà necessario garantire al nostro organismo un elevato apporto idrico, bevendo circa 1,5-2 litri di acqua al giorno. L’acqua contribuirà ad ammorbidire il materiale fecale facilitandone l’espulsione, riducendo il dolore e minimizzando il sanguinamento.

Inoltre è consigliabile praticare un regolare e moderato esercizio fisico, poiché l’attività motoria contribuisce a mantenere attivo l’intestino, oltre a favorire la circolazione del sangue.

Avere cura della propria igiene intima è fondamentale, soprattutto in caso di rottura emorroidi e sanguinamento, per evitare che la proliferazione di batteri possa causare infezioni. Pratichiamo perciò lavaggi con acqua tiepida e bicarbonato, e asciughiamo la zona anale tamponando con un panno in cotone. L’azione dell’ acqua tiepida potrà favorire il miglioramento della situazione locale.