Emorroidi?

Puoi provare Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi?

Puoi contare su Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi
sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico
emorroidi gravidanza rimedi naturali

Rimedi naturali per emorroidi esterne in gravidanza: alcuni consigli

Pubblicato il:

Aspettare un bambino è un’esperienza unica per ogni donna. La gravidanza, però, può portare alcune fastidiose conseguenze, come ad esempio la malattia emorroidaria. Adottare alcuni utili rimedi naturali per emorroidi esterne in gravidanza può contribuire ad alleviare la sintomatologia dolorosa del disturbo, consentendo di vivere con tranquillità la gestazione.

Vi sono alcuni fattori che possono predisporre la comparsa di emorroidi esterne in gravidanza:

  • Fattore ormonale. Sin dal primo trimestre la produzione di estrogeni e progesterone aumenta notevolmente, provocando una maggiore lassità dei tessuti connettivi; ciò favorisce il ristagno del sangue nei cuscinetti emorroidari all’interno dello sfintere anale, deputati al mantenimento della continenza fecale.
  • Fattore meccanico. A partire dal terzo trimestre, si assiste a un considerevole accrescimento del volume dell’utero che va a comprimere l’intestino e i vasi emorroidari, provocandone infiammazione, dilatazione e indebolimento strutturale.
  • Fattore vascolare. L’alterazione del flusso sanguigno conseguente ai fattori meccanici e ormonali può dare luogo a un eccessivo rigonfiamento dei cuscinetti emorroidari e alla loro fuoriuscita dal canale anale.

Quali rimedi naturali per emorroidi esterne in gravidanza è possibile adottare per contenere la sintomatologia dolorosa?

  • Rimedi per favorire la motilità intestinale. Sciogliere un cucchiaino di magnesio in acqua, la sera prima di coricarsi, favorisce l’ammorbidimento delle feci. Analogamente, unire allo yogurt un cucchiaino raso di semi di lino al mattino, contribuirà a regolarizzare l’alvo.
  • Rimedi per il dolore. Per dare sollievo soprattutto dopo il momento dell’evacuazione, possiamo immergere per una ventina di minuti la zona ano-rettale in una bacinella o nel bidet colmo di acqua tiepida, poiché sia le alte che le basse temperature potrebbero acuire la sintomatologia emorroidaria.

Oltre a questi utili rimedi naturali per emorroidi esterne in gravidanza, ricordiamo di seguire una dieta ricca di acqua e fibre per favorire il transito intestinale e di praticare una moderata attività fisica quotidiana per facilitare la circolazione sanguigna.

Questo contenuto è stato utile?

Con una sola risposta puoi aiutarci a migliorare la nostra attività informativa.
Il tuo riscontro resterà privato

No

Se vuoi, aggiungi qualche dettaglio: ogni indicazione è preziosa.
Ricorda che questo non è un modulo di contatto.


Potrebbero interessarti anche:

emorroidi cosa mangiareemorroidi cosa mangiare

La giusta alimentazione per emorroidi esterne: i cibi amici

Pubblicato il:

Seguire un regolare e corretto regime alimentare è funzionale a prevenire l’insorgere della malattia emorroidaria.

Emorroidi e nuoto: possiamo trarre beneficio da questa attività?

Pubblicato il:

Emorroidi e nuoto: lo sport acquatico per eccellenza può aggravare la sintomatologia dolorosa associata alla malattia emorroidaria? Se amiamo nuotare e pratichiamo questa attività con regolarità e frequenza sarà necessario sapere se ci siano controindicazioni col disturbo emorroidario.

FARMACO AUTOMEDICAZIONE
CON MEDICINALE

Proctosoll
CREMA RETTALE

Scopri Proctosoll Crema Rettale:
tripla azione antinfiammatoria, anestetica locale e anticoagulante.

Visita la scheda prodotto >
DISPOSITIVO MEDICO
SENZA CORTISONE

Proctosoll
ALLEVIA

Scopri Proctosoll Allevia:
un fresco sollievo da dolore, prurito e bruciore.

Visita la scheda prodotto >

Le emorroidi

Cerchi maggiori informazioni sulla patologia emorroidaria? Scopri l’approfondimento scientifico dedicato.

Visita la scheda patologia >