Emorroidi?

Puoi provare Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi?

Puoi contare su Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi
sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi e alcool: perché evitare alcune bevande

Che correlazione possiamo individuare tra emorroidi e alcool? Un consumo eccessivo di alcolici e superalcolici può causare danni al nostro organismo, nel breve e lungo periodo.

Quale comportamento alimentare dovremo seguire se abbiamo consuetudine con l’alcool, ma siamo affetti da patologia emorroidaria? Vediamo perché limitare o evitare il consumo di alcolici in caso di disturbo emorroidario.

Emorroidi e alcool: bere alcolici peggiora il disturbo?

Che l’abuso di alcool possa provocare seri danni alla salute del nostro organismo non è una novità. Se siamo affetti da emorroidi patologiche o abbiamo già trattato il problema con un’opportuna terapia, dovremo seguire un comportamento alimentare finalizzato a ridurre e prevenire la ricomparsa del disturbo.

La salute comincia dall’alimentazione. E’ dunque consigliabile sospendere il consumo di bevande alcoliche, poiché esse potrebbero aggravare sensibilmente la nostra situazione locale. Ecco gli effetti dell’alcool sul nostro organismo:

  • Effetti sul sistema cardiocircolatorio. L’ingestione di etanolo o alcool etilico provoca vasodilatazione cutanea e aumento della pressione sanguigna. Ciò può comportare sfiancamento (dilatazione e perdita di elasticità) dei vasi emorroidari, con conseguente congestione (rigonfiamento) delle emorroidi fisiologiche, e loro possibile fuoriuscita dal canale anale.
  • Effetti sul sistema urinario. L’effetto vasodilatatore dell’alcool combinato con quello inibitorio sulla secrezione di vasopressina (un ormone che inibisce la minzione, cioè lo stimolo a urinare) provoca diuresi, ossia un continuo stimolo a svuotare la vescica. La perdita di acqua e sali minerali dal nostro organismo, unitamente alla sudorazione per l’aumento pressorio, può condurre a disidratazione. Questa condizione contribuisce a un indurimento delle feci, con conseguenti episodi di stipsi e irritazione della zona ano- rettale.
  • Effetti sull’apparato gastroenterico. Il consumo di alcool induce un aumento della secrezione gastrica, dovuto all’azione irritante dell’elevata concentrazione di etanolo a livello stomacale. Ciò comporta, specie nei bevitori assidui, un’alterazione del tessuto intestinale, con conseguente infiammazione e possibile diarrea. L’acidità delle feci liquide può aggravare l’irritazione, con peggioramento della situazione locale.

Emorroidi e alcool non sono dunque compatibili. Per attenuare la sintomatologia dolorosa e prevenire la ricomparsa di malattia emorroidaria è meglio sospendere il consumo di bevande alcoliche. Sarà necessario reintegrare i liquidi persi con sudorazione e diuresi e favorire un equilibrato transito intestinale. In che modo? Garantendo al nostro organismo un apporto idrico pari ad almeno 1, 5 litri di acqua al giorno.