Emorroidi?

Puoi provare Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi?

Puoi contare su Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi
sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Peperoncino ed emorroidi: beneficio o danno?

E’ possibile coniugare peperoncino ed emorroidi infiammate? Siamo soliti utilizzare le spezie per dare sapore e gusto ai nostri piatti? In tal caso dovremo valutare con attenzione se e come inserire il peperoncino in un’equilibrata dieta antiemorroidaria.

Alcune proprietà benefiche del peperoncino

Se assunto con moderazione, il peperoncino può offrire al nostro organismo un buon contenuto vitaminico e altre sostanze utili alla nostra salute. Nel peperoncino troveremo:

  • Vitamina C o acido ascorbico. Dall’azione antiossidante, protegge il nostro organismo dall’invecchiamento cellulare. Questa vitamina interviene inoltre nella formazione, protezione e stabilizzazione del collagene, indispensabile per la produzione e la riparazione del tessuto connettivo.
  • Carotenoidi (precursori della vitamina A). Si tratta di pigmenti di origine vegetale, con funzione antiossidante utile a prevenire l’invecchiamento cellulare e a mantenere sani i tessuti del nostro organismo.
  • Vitamina B3. Essa contribuisce a migliorare la circolazione sanguigna e concorre ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo. Non solo. Tale vitamina promuove l’idratazione della pelle, stimolando la produzione di un film lipidico che funge da barriera contro gli agenti esterni.
  • Sali minerali. In particolare ferro, calcio e fosforo. Si tratta di importanti nutrienti che garantiscono al nostro organismo il regolare equilibrio idro- salino, attraverso il controllo dell’assunzione e della perdita di liquidi.

Peperoncino ed emorroidi infiammate: ecco perché usarlo con moderazione

Il peperoncino, così come il pepe di Cayenna (una sua variante), contiene una sensibile quantità di capsaicina, una sostanza dalla forte azione stimolante locale che provoca un’intensa sensazione di dolore urente (bruciore). Tuttavia, la capsaicina viene sfruttata per le sue proprietà analgesiche. Come si spiega?

La capsaicina agisce sollecitando i recettori del dolore, sensazione che tende ad attenuarsi con il perdurare della somministrazione per desensibilizzazione. L’azione antidolorifica della capsaicina è riconducibile all’interferenza della sostanza con i nervi sensoriali cutanei.

La capsaicina esercita un’azione irritante sulle mucose, poiché ne stimola appunto la sensibilità dolorifica. Nel caso in cui la mucosa anale sia già interessata da patologia emorroidaria, l’infiammazione si aggrava e la sensazione di forte bruciore si intensifica. Ne consegue che la situazione locale può peggiorare e diventare difficilmente gestibile.

Sarebbe comunque indicato evitare l’utilizzo di questa spezia in presenza di una infiammazione emorroidaria acuta, e limitare la quantità assunta a un ‘pizzico’, appunto, cioè 2-5 grammi di spezia essiccata al giorno, per sfruttarne le proprietà benefiche.

Per attenuare e prevenire il disagio da emorroidi infiammate dovremo garantire al nostro organismo un equilibrato consumo di fibre alimentari contenute in frutta e ortaggi freschi. Inoltre è molto importante idratarsi: l’apporto idrico raccomandato è di almeno 1, 5 litri di acqua al giorno.