Emorroidi?

Puoi provare Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Emorroidi?

Puoi contare su Proctosoll
per un sollievo mirato dai dolorosi
sintomi delle emorroidi.

Proctosoll Crema Rettale
farmaco automedicazione
Proctosoll Allevia
dispositivo medico

Caffè ed emorroidi esterne: quale correlazione?

Esiste relazione lineare tra caffè ed emorroidi esterne? Se siamo estimatori di caffè e non riusciamo a rinunciare a questo piccolo piacere quotidiano è bene sapere, invece, che in caso di malattia emorroidaria dovremo limitare il consumo di questa bevanda.

Vediamo perché e quali bevande preferire in caso di disturbo emorroidario.

Caffè ed emorroidi esterne: un’abitudine quotidiana può aggravare il disturbo?

Per alcuni è un piccolo piacere occasionale, per altri è una consuetudine irrinunciabile. Sarà necessario rinunciare alla nostra tazzina quotidiana per limitare il problema emorroidario?

L’effetto del caffè sul nostro organismo è soggettivo. Su alcuni di noi questa bevanda ha un’azione lassativa. Se soffriamo di emorroidi da diarrea, superare la dose raccomandata di tre tazzine al giorno potrebbe concorrere ad aggravare la situazione locale. Ma perché?

Tra le numerose sostanze che compongono il caffè ve ne sono due, la caffeina e l’acido clorogenico, le quali concorrono allo sviluppo di acido gastrico, favorendo la digestione. In questo processo dobbiamo rilevare due aspetti:

  • La produzione di succhi gastrici tende a infiammare la mucosa delle pareti intestinali, causando irritabilità del colon con conseguente, possibile enterite (diarrea).
  • Con la stimolazione del processo digestivo lo stomaco reagisce attivando i meccanismi che conducono il nostro organismo a espellere gli scarti e, dunque, il materiale fecale. Ne consegue che lo stimolo a evacuare sia favorito.

L’effetto lassativo più frequente si verifica al mattino se beviamo caffè digiuni, poiché lo stomaco vuoto è più sensibile all’attacco degli acidi. Ricordiamo, quindi, di non bere caffè a stomaco vuoto e di limitare il consumo di questa bevanda se siamo affetti da emorroidi infiammate.

Cosa bere in caso di emorroidi infiammate?

Se caffè ed emorroidi esterne non vanno d’accordo, ricordiamo invece quanto sia importante idratarci. Un apporto idrico di almeno 1, 5 litri di acqua al giorno concorrerà ad ammorbidire le feci, aumentandone il volume e riducendone la consistenza, e a favorirne l’espulsione.

In questo modo contribuiremo a regolarizzare l’alvo, riequilibrando la flora intestinale e prevenendo il rischio di dissenteria e stipsi, un’altra concausa del disturbo emorroidario.

Tra le bevande da preferire non dimentichiamo le tisane antiemorroidarie. Si tratta di infusi a base di erbe con proprietà gelificante e capillarotropa. Ciò significa che bere qualche tisana antiemorroidaria potrà contribuire a rendere più cremoso il materiale fecale, agevolandone l’espulsione, e ridurranno la fragilità capillare, migliorando funzionalità e resistenza dei vasi emorroidari.